AVVISO AGLI UTENTI

Chiudi il messaggio

 

APERTURA DEGLI SPORTELLI

 

 Al fine di evitare i tempi di attesa e permettere la gestione rapida delle pratiche,
si invitano gli utenti ad accedere agli sportelli previo appuntamento da concordare 
contattando il Numero Verde

 800 846 292

 

Le cartoline di autolettura del misuratore vanno recapitate nella cassetta postale posta al cancelletto di ingresso alla sede.

Per comunicati scritti utilizzare la posta elettronica all’indirizzo contratti@poiana.it

Assistenza

SERVIZIO DI FORNITURA ACQUA POTABILE

L'Acquedotto Poiana SpA fornisce il Servizio Idrico Integrato nel territorio dei 12 Comuni soci. Per quanto concerne la fornitura idrica il rapporto contrattuale con gli utenti è disciplinato dal Regolamento del servizio idrico integrato (vedi regolamento) approvato dall'Assemblea dei soci con verbale n. 46 del 30/06/2016. 

torna a inizio pagina

Nuovo allacciamento idrico

Per nuovo allacciamento idrico si intende il collegamento all'acquedotto che viene effettuato per la prima volta (es. nuova costruzione o divisione di impianto). La richiesta può essere inoltrata utilizzando esclusivamente il Mod.RP.12 (vedi modulo) tramite uno dei seguenti canali:

- posta all'indirizzo Acquedotto Poiana spa, Viale Duca degli Abruzzi 1,

  33043 Cividale del Friuli (UD)

- posta elettronica all'indirizzo contratti@poiana.it

- sportello fisico

- sportello on-line

- servizio assistenza telefonica al numero verde 800 84 62 92; in tal caso l'operatore raccoglierà i dati necessari alla compilazione e invierà il modulo per la firma all'indirizzo comunicato dal richiedente.

L'iter della richiesta prevede: 

  • la registrazione della richiesta di nuovo allacciamento e la verifica dei requisiti;
  • l'appuntamento concordato per il sopralluogo, previo versamento del corrispettivo dovuto, durante il quale verranno acquisiti dal nostro tecnico incaricato tutti gli elementi necessari per la formulazione del preventivo;
  • l’invio del preventivo entro il tempo massimo previsto dalla Carta del servizio idrico integrato (20 gg lavorativi a decorrere dalla richiesta documentata da parte dell’utente);
  • l’accettazione del preventivo e il pagamento del corrispettivo per l'esecuzione dei lavori;
  • la stipula del contratto (vedi punto successivo);
  • l’esecuzione dei lavori di allacciamento entro il tempo massimo previsto dalla Carta del servizio idrico integrato (30 gg lavorativi a decorrere dall'accettazione del preventivo, al netto del tempo necessario per l'ottenimento di eventuali autorizzazioni di terzi).
torna a inizio pagina

Nuovo contratto

Per nuovo contratto si intende la prima attivazione di un'utenza.

Documentazione necessaria:

  • estremi della concessione/autorizzazione edilizia;
  • documento di identità;
  • codice fiscale e/o partita IVA;
  • dati catastali dell’immobile oggetto di fornitura idrica (foglio, particella, subalterno, ecc.);
  • titolo di  possesso registrato (proprietà, locazione o altro);  in mancanza,  dichiarazione sostitutiva  ai  fini  dell’autorizzazione  alla  stipula  del  contratto di fornitura idrica Mod.RP.02 (vedi modulo); ulteriori dettagli
  • eventuali autorizzazioni di terzi per la posa di pozzetti e/o tubazioni in proprietà privata;
  • verifica allacciamento alla pubblica fognatura;
  • coordinate bancarie/postali (codice  IBAN) per chi desidera la  domiciliazione bancaria/postale delle bollette;
  • copia della dichiarazione di conformità dell’impianto  ai sensi del D.M. 22 Gennaio 2008 n. 37 (in mancanza verrà richiesto, al momento della stipula del contratto, impegno a fornirla entro 30 giorni dalla posa del contatore);
  • in caso  di pozzetto  con predisposizione per più contatori, schema della rastrelliera con indicazione del proprio punto di allaccio;
  • planimetria in scala adeguata in cui sia individuabile l’immobile oggetto di fornitura idrica e le sue pertinenze;
  • se firmatario diverso, delega  scritta con fotocopia documento di identità del delegante e del delegato.

 N.B. Per le Pubbliche Amministrazioni soggette a fatturazione elettronica è obbligatorio comunicare il Codice IPA, il Codice Ufficio e l’assoggettamento o meno alla “scissione dei pagamenti”

PER LA STIPULA DEL CONTRATTO È NECESSARIO RIVOLGERSI ALL'UFFICIO CONTRATTI.

L’attivazione della fornitura idrica avverrà entro il tempo massimo previsto dalla Carta del servizio idrico integrato (5 gg lavorativi al netto di adempimenti a cura e spese dell’utente).

Le spese contrattuali saranno addebitate sulla prima bolletta utile (vedi prezziario).

torna a inizio pagina

Voltura

La voltura è la richiesta da presentare all’Ufficio Contratti compilando il modulo RP23 (vedi modulo) per cambiare l'intestazione di un contratto attivo.

Documentazione necessaria:

  • codice cliente o copia ultima bolletta del  precedente intestatario del contratto oppure matricola misuratore;
  • lettura del misuratore (vedi guida);
  • nuovo recapito del cliente uscente per l’invio della bolletta di chiusura contratto;
  • documento di identità;
  • codice fiscale e/o partita IVA;
  • dati catastali dell’immobile oggetto di fornitura idrica (foglio, particella, subalterno, ecc.);
  • titolo di  possesso registrato (proprietà, locazione o altro);  in  mancanza, dichiarazione sostitutiva ai  fini  dell’autorizzazione  alla  stipula del  contratto  di fornitura  idrica Mod.RP.02 (vedi modulo); ulteriori dettagli
  • verifica allacciamento alla pubblica fognatura;
  • coordinate  bancarie/postali (codice IBAN) per chi desidera la domiciliazione bancaria/postale delle bollette;
  • se firmatario diverso,  delega scritta con fotocopia documento di identità del delegante e del delegato.

 N.B. Per le Pubbliche Amministrazioni soggette a fatturazione elettronica è obbligatorio comunicare il Codice IPA, il Codice Ufficio e l’assoggettamento o meno alla “scissione dei pagamenti”

Le spese contrattuali saranno addebitate sulla prima bolletta utile (vedi prezziario).

torna a inizio pagina

Voltura a titolo gratuito

In caso di decesso dell'intestatario del contratto, l'erede ovvero un soggetto residente nell'unità immobiliare in cui è sita l'utenza, ha diritto a richiedere il cambio dell'intestazione a titolo gratuito (senza spese contrattuali ma con il solo addebito dell'imposta di bollo pari a €16,00).

Per la voltura a titolo gratuito, oltre alla documentazione indicata per la voltura è necessario presentare anche il modulo RP25.

torna a inizio pagina

Subentro

Il subentro è la richiesta di riattivazione di un’utenza cessata.

Per richiedere il subentro è necessario compilare il Mod.RP.23  (vedi modulo).

Documentazione necessaria:

  • codice cliente o copia ultima bolletta del precedente intestatario del contratto oppure matricola misuratore (se presente);
  • documento di identità;
  • codice fiscale e/o partita IVA;
  • dati catastali dell’immobile oggetto di fornitura idrica (foglio, particella, subalterno, ecc.);
  • titolo di  possesso registrato (proprietà, locazione o altro);  in  mancanza, dichiarazione sostitutiva ai  fini  dell’autorizzazione  alla  stipula del  contratto  di fornitura  idrica Mod.RP.02 (vedi modulo); ulteriori dettagli
  • verifica allacciamento alla pubblica fognatura;
  • coordinate  bancarie/postali (codice IBAN) per chi desidera la domiciliazione bancaria/postale delle bollette;
  • se firmatario diverso,  delega scritta con fotocopia documento di identità del delegante e del delegato.

 N.B. Per le Pubbliche Amministrazioni soggette a fatturazione elettronica è obbligatorio comunicare il Codice IPA, il Codice Ufficio e l’assoggettamento o meno alla “scissione dei pagamenti”

 

La richiesta può essere inoltrata utilizzando uno dei seguenti canali:

- posta all'indirizzo Acquedotto Poiana spa, Viale Duca degli Abruzzi 1,

  33043 Cividale del Friuli (UD)

- posta elettronica all'indirizzo contratti@poiana.it

- sportello fisico

- sportello on-line

- servizio assistenza telefonica al numero verde 800 84 62 92.

Per la stipula del contratto di fornitura è, comunque, necessario presentarsi allo sportello.


Le spese contrattuali saranno addebitate sulla prima bolletta utile (vedi prezziario).

torna a inizio pagina

Disattivazione fornitura

La disattivazione della fornitura è la richiesta di recedere dal contratto di somministrazione con rimozione del misuratore.

La richiesta deve essere inoltrata utilizzando il Mod.RP.22 (vedi modulo) tramite uno dei seguenti canali:

- posta all'indirizzo Acquedotto Poiana spa, Viale Duca degli Abruzzi 1,

  33043 Cividale del Friuli (UD)

- posta elettronica all'indirizzo contratti@poiana.it

- sportello fisico

- sportello on-line

 

Il tempo massimo per la disattivazione previsto dalla Carta del servizio idrico integrato è 7 gg lavorativi a decorrere dalla richiesta dell’utente.

Nel caso in cui il contatore non sia accessibile (ad esempio interno all’abitazione) è necessario concordare un appuntamento.

Le spese di disattivazione saranno addebitate sulla bolletta di chiusura contratto (vedi prezziario). 

torna a inizio pagina

Variazioni dati contrattuali

Le variazioni di dati contrattuali relativamente a toponomastica, numero civico, numero telefonico, indirizzo di recapito possono essere comunicate utilizzando uno dei seguenti canali:

- posta all'indirizzo: Acquedotto Poiana spa, Viale Duca degli Abruzzi 1,  33043 Cividale del Friuli (UD)

- posta elettronica all'indirizzo contratti@poiana.it

- sportello fisico

- sportello on-line

- servizio assistenza telefonica al numero verde 800 84 62 92.

 

Le variazioni relative a numero di presenze, numero e tipo di unità immobiliari, numero dei dipendenti, destinazione d'uso devono essere comunicate utilizzando il Mod.RP.14 (vedi modulo) e inoltrate tramite uno dei seguenti canali:

- posta all'indirizzo: Acquedotto Poiana spa, Viale Duca degli Abruzzi 1,  33043 Cividale del Friuli (UD)

- posta elettronica all'indirizzo contratti@poiana.it

- sportello fisico

- sportello on-line

torna a inizio pagina

Come ricevere la bolletta

Modalità di spedizione delle bollette:

  • posta ordinaria 
  • posta elettronica (per attivare il servizio è necessario compilare il modulo RP.17 ed inoltrarlo all'indirzzo e-mail contratti@poiana.it) evitando l'addebito in bolletta delle spese postali di spedizione

Ricordiamo che le bollette sono disponibili anche nella sezione "Le tue bollette" dello sportello on-line.

torna a inizio pagina

Istruzioni sulla lettura della bolletta

Questa sezione è stata pensata per aiutare gli utenti a capire le voci principali che si trovano in bolletta.

Prima pagina

In questa pagina sono presenti:

  1. Dati del gestore con i contatti (indirizzo, numero di telefono, numero di fax, sito internet e indirizzo e-mail/pec)
  2. Numero di fattura, periodo di fatturazione e codice cliente identificativo della fornitura
  3. Dati della fornitura (nominativo, tipologia d'uso, allacciamento o meno a fognatura/depurazione, eventuale assicurazione contro le perdite occulte ed eventuale deposito cauzionale), matricola misuratore, letture e totale del consumo fatturato
  4. Riepilogo dei corrispettivi (acqua, fognatura, depurazione, ecc.) con il totale e la data della scadenza della bolletta
  5. Informazioni per comunicare autonomamente l'autolettura del misuratore
  6. Informazioni su eventuali variazioni e novità

Seconda pagina

 In questa pagina sono presenti:

  1. Dettaglio degli importi (consumi e calcoli degli altri addebiti/accrediti che determinano l'importo finale)
  2. Totali ed applicazione imposte (IVA)
  3. Eventuali fatture insolute

 

Terza pagina

In questa pagina sono presenti:

  1. Informazioni e dettaglio delle tariffe applicate
  2. Informazioni sui metodi di pagamento della bolletta
  3. Codice di domiciliazione da utilizzare per la richiesta di addebito sul c/c bancario o postale

 

Quarta pagina

In questa pagina sono presenti:

  1. Dettagli sul ritardo nel pagamento delle bollette
  2. Come richiedere rateizzazioni di bollette
  3. Contatti e orari di apertura al pubblico
  4. Grafico dell'andamento dei consumi giornalieri negli ultimi periodi


 

torna a inizio pagina

Modalità di pagamento della bolletta

È possibile pagare le bollette scegliendo uno dei seguenti canali:

- presso gli sportelli bancari della Banca di Credito Cooperativo di Manzano, in modo gratuito senza addebito di commissioni;

- presso qualsiasi altro sportello bancario o ufficio postale con addebito di commissioni;

- con bonifico bancario utilizzando una delle seguenti coordinate IBAN:

Civibank Gruppo Sparkasse         IT49 A 05484 63740 000000033200
Banca 360 Credito Coop. FVG      IT19 J 08631 63740 000000792846
Conto corrente postale                IT54 R 07601 12300 000000264333

- mediante addebito permanente su conto corrente bancario o postale (per attivare il servizio è necessario compilare il modulo RP.15/1 ed inviarlo, assieme al documento d'identità del sottoscrittore, via e-mail all'indirizzo contratti@poiana.it).

Si ricorda che le ricevute dei pagamenti devono essere conservate, per legge, per almeno cinque anni.

torna a inizio pagina

Rateizzazione bollette

Acquedotto Poiana S.p.A. garantisce la possibilità di rateizzare il pagamento delle bollette che rientrano nelle modalità fissate dalla Delibera ARERA 655/2015.

L’importo della fattura da rateizzare deve superare dell’80% il valore dell’addebito medio riferito alle bollette emesse nel corso degli ultimi 12 mesi.  La richiesta può essere inoltrata entro 10 giorni dalla scadenza della bolletta.

Per richiedere la rateizzazione è sufficiente compilare il modulo e inviarlo via mail all'indirizzo contratti@poiana.it.

 

torna a inizio pagina

Istruzioni per la lettura del contatore

Attualmente risultano installati due tipi di misuratori (contatori): a lettura diretta o a lettura indiretta (a lancette). 

La lettura è molto semplice e si esegue leggendo le cifre in nero, da sinistra verso destra. Se l'ultima cifra fosse in una posizione intermedia si considera il numero inferiore. Le sfere con le lancette rosse indicano i decimali (ettolitri, decalitri, litri) e non vanno lette.

La lettura di questo misuratore richiede più attenzione, funziona in modo molto simile ad un orologio. Si considerano solo le lancette di colore nero; le rosse indicano i decimali e non vanno lette. Si leggono in senso orario, da sinistra a destra; a fianco di ogni sfera è indicato il numero al quale si riferiscono (x1000 indica le migliaia, x100 le centinaia, x10 le decine e x1 le unità). Si leggono per difetto, prendendo sempre il numero inferiore. Il numero di lancette nere può variare a seconda del misuratore installato.
torna a inizio pagina

Istruzioni per la telelettura del contatore (da comunicare prima del passaggio del letturista)

E' possibile comunicare la lettura del contatore, prima del passagio dei letturisti, chiamando il numero verde gratuito 800 480 850 (servizio attivo 24 ore su 24) nei periodi indicati in bolletta. Tale operazione consiste in:

  • digitare le otto cifre che compongono il numero contratto (riportato sulla sinistra della bolletta "Dati della fornitura e del contratto");
  • digitare la lettura rilevata;
  • confermare  l’operazione  digitando  1 oppure, per reinserirla in caso di errore, digitare  3.

Il sistema calcola il consumo effettivo, comunica il buon esito dell’operazione o, in caso di anomalia, invita alla verifica della lettura inserita.

Successivamente la lettura potrà essere acquisita dal nostro incaricato (servizio a pagamento) oppure comunicata utilizzando le apposite cartoline rilasciate, a mezzo posta elettronica letture@poiana.it, tramite lo sportello on-line, via SMS al numero 339 9957056 (digitare il numero cliente seguito dalla lettura del misuratore) o al servizio assistenza telefonica al numero verde 800 84 62 92 (selezione 5).

torna a inizio pagina

Istruzioni per l'inoltro di reclami

L'Autorità per l'Energia Elettrica, il Gas e il Sistema Idrico nella Delibera n. 655/2015/R/IDR definisce il reclamo "una comunicazione scritta fatta pervenire al Gestore, anche per via telematica, in materia di regolazione della qualità contrattuale del servizio idrico integrato, con la quale l'utente finale, o per suo conto un rappresentante legale dello stesso o un'associazione dei consumatori, esprime lamentele circa la non coerenza del servizio ottenuto con uno o più requisiti definiti da leggi o provvedimenti amministrativi, dalla proposta contrattuale a cui l'utente ha aderito, dal contratto di fornitura, dal regolamento di servizio, ovvero circa ogni altro aspetto relativo ai rapporti tra gestore e utente finale, ad eccezione delle richieste scritte di rettifica di fatturazione".

I reclami devono essere presentati in forma scritta, preferibilmente utilizzando l'apposito Mod.RP.05 (vedi modulo).
E' necessario fornire almeno i seguenti dati:

  • nome e cognome,
  • indirizzo di fornitura,
  • indirizzo postale, se diverso dall'indirizzo di fornitura o telematico,
  • il servizio a cui si riferisce il reclamo scritto (SII o singoli servizi che lo compongono),

Il reclamo può essere presentato:

  • di persona presso i nostri uffici
  • via mail all'indirizzo reclami@poiana.it
  • via PEC all'indirizzo poiana@pec.poiana.it
  • via fax al numero 0432/700771
  • via posta all'indirizzo: Viale Duca degli Abruzzi, 1 -33043 Cividale del Friuli (UD)

Il tempo massimo previsto per la risposta è di 30 giorni di calendario, decorrenti dalla data di protocollo di arrivo all'Acquedotto del reclamo. Nel caso in cui la complessità della richiesta o del reclamo non consenta il rispetto del tempo di risposta prefissato, l'utente verrà tempestivamente informato sullo stato di avanzamento della pratica e sulla fissazione di un nuovo termine.

Il personale è comunque impegnato e disponibile a fornire informazioni e risposte per le vie brevi.

torna a inizio pagina

Perdite occulte

(Tutele minime previste all'art. 19 dell'allegato A alla deliberazione 5 maggio 2016, 218/2016/R/IDR, integrato e modificato dalla deliberazione 21 dicembre 2021, 609/2021/R/IDR)

 

In caso di perdita idrica verificatasi in un tratto dell’impianto privato dell’utente a valle del misuratore, interrato o inglobato nelle strutture dell’edificio e comunque non rilevabile esternamente in maniera diretta, derivante da un fatto accidentale, fortuito e involontario, che abbia comportato un consumo anomalo almeno pari al doppio del consumo medio giornaliero di riferimento, l’utente ha la facoltà di richiedere l’attivazione delle tutele previste in caso di perdite occulte da ARERA con la Regolazione del servizio di misura nell’ambito del servizio idrico integrato a livello nazionale (TIMSII).

Il consumo medio giornaliero di riferimento rappresenta il consumo medio giornaliero degli ultimi due anni antecedenti la perdita relativo al medesimo periodo indicato nella fattura in cui è stato rilevato il consumo anomalo, al fine di tener conto di eventuali discontinuità nei consumi, associabili per esempio ad utenze stagionali. Nel caso di nuove attivazioni, il consumo medio giornaliero è determinato sulla base della media della tipologia di utenza.

È fatto obbligo di prevedere almeno i seguenti livelli minimi di tutela per le utenze, nel caso si manifestino problematiche di perdite occulte:

a) tempistica per accedere nuovamente alla tutela, da parte di un singolo utente, non superiore a 3 anni dalla data di emissione della fattura in cui è stato rilevato il consumo anomalo;

b) applicazione della tutela anche per le fatture successive a quella in cui è stato rilevato il consumo anomalo per un periodo di almeno 3 mesi, al fine di consentire la riparazione del guasto;

c) tutele di prezzo, da applicare con riferimento alla fattura in cui è stato rilevato il consumo anomalo e nei mesi successivi previsti:

  • i. a seguito di dimostrazione della perdita nell’ambiente, esonero dall’applicazione delle tariffe di fognatura e depurazione al volume eccedente il consumo medio giornaliero di riferimento;
  • ii. in merito al servizio di acquedotto, applicazione di una tariffa non superiore alla metà della tariffa base, al volume eccedente il consumo medio giornaliero di riferimento, fatta salva una franchigia sui volumi fatturabili non superiore al 30%;

d) applicazione delle modalità di rateizzazione previste dall’articolo 42 dell’Allegato A alla deliberazione 655/2015 (RQSII). Allegato A 18

Anche ai fini della conservazione della risorsa, laddove il gestore rilevasse un consumo anomalo in sede di raccolta della misura è tenuto a darne comunicazione tempestiva all’utente interessato.

torna a inizio pagina

Assicurazione perdite occulte

L’Acquedotto Poiana spa mette a disposizione dei propri clienti una polizza assicurativa a copertura delle perdite idriche occulte riscontrate dopo il misuratore. Si intende le perdite che si verificano in impianti interrati o affogati nel cemento (non in vista). Per informazioni più dettagliate vi rimandiamo all’estratto delle condizioni di polizza riportate sul modulo di adesione. Rumori di acqua che scorre, soprattutto nelle ore notturne, macchie di umidità sono indicatori di possibili fughe idriche. L’evidenza è data dal misuratore che gira quando l’impianto idrico non è utilizzato.

Per aderire all'assicurazione basta compilare il Mod.RP.03 (vedi modulo) e trasmetterlo ai nostri uffici.

In caso di perdita occulta l’utente assicurato deve:

- Riparare il guasto il più presto possibile
- Rilevare la lettura del misuratore ad avvenuta riparazione
- Compilare il modulo per la denuncia del sinistro:
   - denuncia di perdita occulta
   

E’ a disposizione l’ufficio fatturazione consumi idrici (vedi contatti)

Informazioni aggiuntive:
La polizza assicurativa è fornita per conto di Acquedotto Poiana spa da AIG Europe Limited - Sede legale: The AIG Building, 58 Fenchurch Street, Londra EC3M 4AB, Regno Unito (AIG:i nostri piani per la Brexit).

Alla sezione 'Documenti' è disponibile il Fascicolo informativo polizza

torna a inizio pagina

Regolazione morosità

Il pagamento delle fatture deve essere effettuato dal cliente con le modalità ed entro i termini indicati sulle stesse. 

In caso di mancato pagamento della bolletta entro la data di scadenza fissata e decorsi almeno 10 giorni solari dalla stessa, salvo il caso in cui non sia stata presentata richiesta di rateizzazione dei pagamenti, il Gestore provvede ad inviare un primo sollecito bonario mediante raccomandata A.R. o posta elettronica certificata (PEC).

Decorsi inutilmente almeno 25 giorni solari dalla data di scadenza della bolletta, il Gestore può procedere alla formale comunicazione di costituzione in mora dell’Utente a mezzo di raccomandata A.R. o posta elettronica certificata (PEC).

Il termine ultimo di pagamento indicato nella costituzione in mora entro cui l’utente è tenuto a saldare i pagamenti insoluti non potrà essere inferiore a 40 giorni solari previsti dalla normativa vigente, calcolato a partire dal ricevimento da parte dell’utente medesimo del sollecito bonario di pagamento.

Come previsto dall’art. 7 dell’Allegato A deliberazione ARERA 311/2019/R/idr, decorso il termine ultimo di pagamento senza che l’Utente abbia estinto il debito dandone comunicazione al Gestore o abbia inoltrato richiesta di rateizzazione dell’importo oggetto di costituzione in mora, il Gestore ha diritto di procedere alla limitazione, sospensione o disattivazione dell’utenza secondo quanto riportato nella Carta del servizio idrico integrato.

torna a inizio pagina

SERVIZIO DI FOGNATURA E DEPURAZIONE

L'Acquedotto Poiana SpA è l'ente a cui compete

- l’esecuzione dei nuovi allacciamenti alla rete fognaria

- il rilascio delle ammissioni allo scarico di acque reflue domestiche o assimilate alle domestiche in rete fognaria

- le autorizzazioni allo scarico di acque reflue industriali in fognatura

per i 12 Comuni soci


Gli scarichi di acque reflue in pubblica fognatura provenienti da insediamenti di qualsiasi tipologia presenti nei comuni in cui S.I.I. è gestito dall'Acquedotto Poiana SpA sono disciplinati dal Regolamento del servizio idrico integrato approvato dall'Assemblea dei soci con verbale n. 46 del 30/06/2016.

Nuovi allacciamenti alla rete fognaria e/o autorizzazioni allo scarico di acque reflue in fognatura
Per i nuovi allacciamenti alla rete fognaria e/o il rilascio delle autorizzazioni allo scarico di acque reflue industriali, vengono seguiti dei percorsi diversi a seconda del tipo di utenza: domestica e non domestica.

torna a inizio pagina

Nuovo allacciamento per utenze domestiche

Per acque reflue domestiche, ai sensi dell’art. 37 lettera l) del Regolamento del servizio idrico integrato, si intendono le “acque reflue provenienti da insediamenti di tipo residenziale e da servizi e derivanti prevalentemente dal metabolismo umano e da attività domestiche.”
Gli scarichi di acque reflue domestiche in pubblica fognatura sono disciplinati dal Titolo III del Regolamento del servizio idrico integrato.
La persona che intende realizzare un nuovo allacciamento alla pubblica fognatura di un immobile adibito a civile abitazione del quale abbia a qualsiasi titolo disponibilità, deve essere inoltrata utilizzando esclusivamente il Mod.RP.12 (vedi modulo) tramite uno dei seguenti canali messi a disposizione:

- posta all'indirizzo: Acquedotto Poiana spa, Viale Duca degli Abruzzi 1, 33043 Cividale del Friuli (UD)

- posta elettronica all'indirizzo: contratti@poiana.it

- sportello fisico

- sportello on-line

- servizio assistenza telefonica al numero verde 800 84 62 92; in tal caso l'operatore raccoglierà i dati necessari alla compilazione e invierà il modulo per la firma all'indirizzo comunicato dal richiedente.

L'iter della richiesta prevede: 

  • la registrazione della richiesta di nuovo allacciamento e la verifica dei requisiti;
  • l'appuntamento concordato per il sopralluogo, previo versamento del corrispettivo dovuto, durante il quale verranno acquisiti dal personale tecnico dell’Acquedotto Poiana S.p.A. tutti gli elementi necessari per la formulazione del preventivo;
  • l’invio del preventivo entro il tempo massimo previsto dalla Carta del servizio idrico integrato (20 gg lavorativi a decorrere dalla richiesta documentata da parte dell’utente);
  • l’accettazione del preventivo e il pagamento del corrispettivo per l'esecuzione dei lavori;
  • l’esecuzione dei lavori di allacciamento entro il tempo massimo previsto dalla Carta del servizio idrico integrato (30 gg lavorativi a decorrere dall'accettazione del preventivo, al netto del tempo necessario per l'ottenimento di eventuali autorizzazioni di terzi).

Nel caso di scarico di sole acque reflue domestiche, il preventivo costituisce anche formale richiesta di ammissione al servizio di fognatura e depurazione, che verrà rilasciata all’Ufficio Fognature e Depurazione previa presentazione allo sportello dell’Acquedotto Poiana S.p.A. in Viale Duca degli Abruzzi n. 1, Cividale del Friuli della seguente documentazione integrativa:

  • l’ubicazione dell’insediamento su planimetria catastale in scala 1:2000;
  • la planimetria dell’insediamento (in scala 1:200) con indicate le reti delle acque bianche e nere e i relativi pozzetti di ispezione e campionamento;
  • in caso di installazione di sistemi di pretrattamento andranno allegate le specifiche tecniche;
  • la relazione tecnica descrittiva delle opere previste con l’indicazione dei materiali impiegati, il dimensionamento delle condotte ed ogni altra indicazione utile a definire le caratteristiche delle opere dell’impianto interno;
  • data di ammissione al servizio di fognatura e depurazione.

L’Acquedotto Poiana S.p.A., in caso di documentazione incompleta o contenente elementi tecnici incompatibili con il Regolamento del servizio idrico integrato, si riserva di richiedere integrazioni.

torna a inizio pagina

Nuovo allacciamento per utenze non domestiche

Nel caso di utenze conferenti in rete fognaria acque reflue non domestiche, si distingue tra le seguenti tipologie: scarico di acque reflue assimilate alle domestiche (attività commerciali e artigianali) e scarico di acque reflue industriali.

torna a inizio pagina

acque reflue assimilate alle domestiche

Per acque reflue assimilate alle acque reflue domestiche, ai sensi dell’art. 37 lettera m) del Regolamento del servizio idrico integrato, si intendono le “acque provenienti da edifici adibiti ad attività produttive o di commercio che presentano caratteristiche qualitative equivalenti alle acque reflue domestiche, secondo quanto stabilito dal D.Lgs.152/06 art.101 comma 7 e dalla L.R. n.13/2002 art.18 commi 25 e 26”. Gli scarichi di acque reflue assimilate alle acque reflue domestiche in pubblica fognatura sono disciplinati dal Titolo IV del Regolamento del servizio idrico integrato.

La persona giuridica che avvia o subentra nella gestione di un insediamento commerciale, produttivo o di servizi che scarica in rete fognaria acque reflue assimilate a quelle domestiche, deve inoltrare all’Ufficio Fognatura e Depurazione dell’Acquedotto Poiana S.p.A. istanza di assimilabilità dello scarico alle acque reflue domestiche attraverso l’apposito Mod.FD.12. (vedi modulo).

La richiesta di assimilabilità dello scarico alle acque reflue domestiche deve essere corredata dai seguenti allegati:

  • scheda tecnica di rilevamento dati debitamente compilata Mod.FD.01-3 (vedi modulo);
  • la planimetria dell’insediamento (in scala 1:200 o maggiore) con indicate le reti delle acque bianche e nere e i relativi pozzetti di ispezione e campionamento;
  • la relazione tecnica descrittiva dell’eventuale impianto di pretrattamento;
  • il certificato analitico riportante i valori dei parametri caratteristici delle acque reflue prodotte dall’attività (solo per i casi in cui è previsto);
  • copia dell’avvenuto pagamento delle spese di istruttoria (€ 91,50 oppure € 184,22, iva inclusa, in base alla tipologia di scarico assimilabile al domestico) con versamento su IBAN IT54R0760112300000000264333 intestato ad Acquedotto Poiana S.p.A., specificando nella causale “Spese di istruttoria per assimilabilità dello scarico alle acque reflue domestiche”.

Nel caso di nuova utenza non domestica con scarico in rete fognaria di acque reflue assimilabili alle acque reflue domestiche, oltre all’istanza di assimilabilità, va presentata richiesta di preventivazione di nuovo allacciamento alla rete fognaria, secondo quanto descritto per le utenze domestiche. 

torna a inizio pagina

acque reflue industriali

Per acque reflue industriali, ai sensi dell’art. 37 lettera n) del Regolamento del servizio idrico integrato, si intende “qualsiasi tipo di acque reflue scaricate da edifici od impianti in cui si svolgono attività commerciali o di produzione di beni, diverse dalle acque reflue domestiche e alle acque meteoriche di dilavamento”. Gli scarichi di acque reflue industriali in pubblica fognatura sono disciplinati dal Titolo V del Regolamento del servizio idrico integrato.
Ai sensi del D.P.R. n. 59/2013, la persona giuridica, che avvia o subentra nella gestione di un insediamento produttivo che scarica in rete fognaria acque reflue industriali, deve inoltrare, esclusivamente a mezzo PEC, istanza di Autorizzazione Unica Ambientale (A.U.A. nel sito della Provincia) allo Sportello Unico per le Attività Produttive (S.U.A.P.) competente per il territorio che, a sua volta, la inoltra per via telematica alla Provincia di Udine e alle altre Amministrazioni coinvolte nel procedimento.
L’Acquedotto Poiana S.p.A. è l’ente competente al rilascio di parere relativo allo scarico di acque reflue industriali in fognatura nei 12 Comuni soci.

Spese di istruttoria parere relativo allo scarico di acque reflue industriali in fognatura:

  • spese di istruttoria (369,66 €, iva inclusa) con versamento su IBAN IT54R0760112300000000264333 intestato ad Acquedotto Poiana S.p.A., specificando nella causale “Spese di istruttoria parere relativo allo scarico di acque reflue industriali in fognatura – A.U.A.”;

Nel caso di nuova utenza non domestica con scarico in rete fognaria di acque reflue industriali, oltre alla richiesta di Autorizzazione Unica Ambientale (A.U.A.), va presentata, direttamente all’Acquedotto Poiana S.p.A., richiesta di preventivazione di nuovo allacciamento alla rete fognaria, secondo quanto descritto per le utenze domestiche.

Denuncia annuale scarichi
Per le utenze industriali, entro il 31 gennaio di ogni anno, dovrà essere trasmessa all' Acquedotto Poiana S.p.A la denuncia della quantità di acque reflue immesse in rete fognaria durante l’anno solare appena trascorso Mod.FD.04 (vedi modulo); è fatto inoltre obbligo di allegare alla denuncia copia dei referti analitici eseguiti sulle acque di scarico, durante l’anno in interesse, come indicato nell'autorizzazione allo scarico.

Tariffa industriale
Ai sensi dell’art.77 del Regolamento del servizio idrico integrato, la tariffa, suddivisa in due aliquote di cui una relativa al servizio di fognatura ed una relativa al servizio di depurazione, è riscossa dall’Ente gestore del servizio idrico integrato, agli utenti allacciati alla pubblica fognatura secondo quanto disposto dagli art. 154 e seguenti del D.Lgs.n. 152/2006.
La quota di tariffa è determinata sulla base della quantità delle acque reflue scaricate, mediante applicazione della formula tipo fissata con Decreto del Presidente della Repubblica 24 maggio 1977, così come determinato dalla C.A.T.O. “Centrale Friuli” ai sensi dell’art. 16 della L.R. 13/2005. I titolari degli insediamenti non allacciati alla pubblica fognatura, fatto salvo quanto previsto dall’articolo 38 del Regolamento del servizio idrico integrato, non sono tenuti al pagamento della tariffa di cui al c.1. Il calcolo di aggiornamento delle tariffe e l’applicazione delle medesime spettano al soggetto Gestore del servizio idrico integrato, salvo eventuali diverse disposizioni emanate dalla C.A.T.O.

torna a inizio pagina

Sgravio tariffa fognatura e depurazione

L’utente titolare di un contratto di fornitura idrica a servizio di un immobile non allacciato alla rete fognaria ma assoggettato al pagamento delle quote relative alla tariffa di fognatura e depurazione in bolletta, può richiedere lo sgravio delle quote stesse e il rimborso degli importi già versati attraverso l’apposito modello Mod.FD.03-1 (vedi modulo).

Una volta ricevuta la richiesta, i tecnici dell’Acquedotto Poiana S.p.A. provvederanno ed effettuare un sopralluogo atto ad accertare l’effettiva assenza di allacciamento alla pubblica fognatura e in caso di esito positivo la richiesta di sgravio verrà accolta. 

torna a inizio pagina

Bisogno d'aiuto?

Accedi alla nostra pagina di assistenza, troverai tutte le informazioni necessarie per le nostre pratiche, per conoscere i nostri servizi e per contattarci

CONTATTI VELOCI

Acquedotto Poiana SpA
Viale Duca degli Abruzzi, 1
33043 Cividale del Friuli (UD)

Tel. 0432 706 111 - Fax 0432 700 771

informazioni@poiana.it
poiana@pec.poiana.it

Orario di sportello:
- dal lunedì al venerdì: 8,30 - 16,30
- sabato: 8,30 - 12,30 
- domenica: Chiuso